logo
Caricamento in corso: attendere........ nel caso di modem 56k l'operazione potrebbe essere molto lunga.
Loading .......
La nevicata del 3 febbraio 2012: ecco come potrebbe presentarsi l'Abruzzo aquilano in inverno.


Neve, neve, neve!!! Lo scorso fine settimana siamo stati testimoni di una delle nevicate più copiose che si ricordino. Addirittura i nostri genitori la confrontano con la storica nevicata del 1956 e concludono che questa sia più abbondante di quella di cui sentiamo parlare da quando eravamo bambini. E ce la potevamo perdere? Certo che no!!! E dunque sabato mattina siamo partiti da Roma per tornare a casa ed essere partecipi della nevicata storica. Ma anche qui a Roma ha nevicato! Si si, portandosi dietro la solita scia di polemiche più o meno fondate e tanta gioia nei bambini romani che non sono abituati al manto bianco della neve. L'autostrada è chiusa a causa di una slavina e quindi dobbiamo percorrere la via Salaria per arrivare a L'Aquila. Niente di male, in realtà noi facciamo sempre questa strada e quindi la cosa non ci destabilizza, anzi ci fa piacere.

Il parco del Forte Spagnolo a L'Aquila.Il parco del Forte Spagnolo a L'Aquila.Il parco del Forte Spagnolo a L'Aquila.Il parco del Forte Spagnolo a L'Aquila.
L'Aquila.L'Aquila.Il comune di Scoppito vicino L'Aquila.La conca dell'Aquila o Valle dell'Aterno.
La basilica di Santa Maria di Collemaggio a L'AquilaLa villa comunale di L'AquilaLa villa comunale di L'AquilaPiazza Regina Margherita a L'Aquila.
 
Naturalmente noi siamo aquilani doc e sappiamo cosa facciamo: abbiamo macchina e ruote adatte allo scopo. Mi raccomando: non fate mai cose azzardate: in questi casi, quando si parte, è bene informarsi su quello che si può trovare per strada. Se non si è esperti del luogo e le principali strade di collegamento sono chiuse o percorribili solo con catene è meglio restare a casa e attendere periodi migliori.  La montagna d'Abruzzo è solita distribuire abbondanti nevicate e quindi informarsi del bollettino meteo è una cosa a dir poco raccomandabile.
Passiamo per Roma nord, qui la neve in effetti è caduta copiosa (circa 15 cm) e vediamo le prime scene buffe (per chi le vede da fuori) della giornata: macchine e scooter abbandonati ieri sera sul raccordo da guidatori in difficoltà. Noi, con la nostra macchinina 4x4 e con una certa abitudine alla neve non ci facciamo scoraggiare e andiamo avanti. Arrivati sulla salaria, ogni chilometro percorso è una nuova scoperta e così passo tutto il viaggio con la macchinetta fotografica in mano per immortalare la giornata così particolare. A Monte Rotondo la neve inizia ad essere una presenza vera, anche se la strada, fortunatamente, è del tutto pulita. Certo, avrebbero dovuto avvertire i tanti automobilisti forniti di catene che ostruivano il traffico!!! Più andiamo avanti più la neve aumenta ma restiamo sempre nell'ordine dei centimetri. Anche a Rieti non è molta... forse qui addirittura meno che a Roma... che strane che sono le perturbazioni... 
  La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. Sella di Corno.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. Sella di Corno.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. Sella di Corno.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. Viglianico.

La strada inizia ad essere bianca davvero solo dopo aver superato Antrodoco e da qui in poi il viaggio diventa spettacolare. Non faccio neanche in tempo  a fare tutte le foto che vorrei. Più andiamo avanti più la neve aumenta. A Rocca di Corno ci sono pareti di neve che circondano la strada, il paesaggio è bianco che più bianco non si può, sembra di essere in una fiaba di Babbo Natale... davvero magico. Finalmente arriviamo a Scoppito, nostra destinazione di oggi. Qui c'è oltre un metro di neve, le macchine sono totalmente ricoperte, nei cortili e per le strade la gente spala per aprire dei sentieri da percorrere a piedi perché non è pensabile l'idea di tirare fuori le macchine dai loro involucri soffici e bianchi. Parcheggiamo la macchina per la strada principale del paese, quelle secondarie non sono percorribili, e ci dirigiamo direttamente a fare una passeggiata all'inizio del bosco per immortalare ancora meglio questo spettacolo della natura che chissà se ci ricapiterà di vedere con questa intensità. Meraviglioso! Non credete?

La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.
La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito sotto il Monte Calvo.
La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Tornimparte.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Tornimparte.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito.La nevicata del 3 febbraio 2012: le foto scattate domenica a L'Aquila e dintorni. La zona di Scoppito.

 
Autenticazione
Corsi sub a L'Aquila e Roma