logo
Caricamento in corso: attendere........ nel caso di modem 56k l'operazione potrebbe essere molto lunga.
Loading .......
Sapori d'Abruzzo: l'agnello al forno con le patate


L'abruzzo, la parte di cui io racconto più spesso, è terra di alti monti e di verdi prati. Già, i prati, e quindi i pascoli. Insomma, da noi ci sono tante pecore. Motivo per cui uno dei nostri piatti preferiti è indubbiamente l'agnello. Cotto in mille modi diversi, utilizzato per sughi, spezzatini e piatti originali. Ma il cosciotto di agnello ha una sola destinazione: il forno. E una sola compagnia: le patate.
Va bene, questa volta devo ammettere che non sono originale. L'agnello al forno non è propriamente un piatto raro nel resto d'Italia anche se credo che sia diffuso più che altro nelle regioni del centro. Però, e so che ora penserete tutti "ma è proprio fissata con l'Abruzzo!!!! io sono convinta che l'agnello, come si mangia da noi, non lo si mangia da nessun altra parte. Sarà che le nostre pecore scorrazzano allegre per i prati e non sono costrette in recinti angusti, sarà che l'aria è pulita, che l'acqua è pura che l'erba è tenera e saporita. Però è un fatto che da noi la carne di pecora è migliore. Lo so, come sempre sembro di parte. Ma voi venite a provare, e poi possiamo riparlarne.


Comunque, tornando all'arte culinaria, il coscio di agnello al forno con le patate è un piatto che definirei sublime e che troneggia sulle nostre tavole anche in occasioni importanti come il pranzo di Natale (o quello di Pasqua magari). E come si fa? Semplicissimo:
Ci si procura un coscio di agnello (possibilmente proveniente dai dintorni di L'Aquila) e si condisce con parecchi spicchi di aglio (si incide la carne e si infilano i pezzetti di aglio al suo interno), abbondante rosmarino, sale, pepe e, volendo esagerare, un bel filo di olio extravergine di oliva. Dico "volendo esagerare" perché se ne potrebbe fare anche a meno.però se si decide di metterlo sicuramente si ottiene un risultato migliore. Si mette la carne nel forno già caldo (direi 200°), dopo una ventina di minuti si aggiunge un po' di vino bianco e poi si finisce  la cottura stando ben attenti a non esagerare per non farlo asciugare troppo. 
Non vi sto a descrivere i profumi meravigliosi che si sprigioneranno nella vostra cucina né le sensazioni deliziose che allieteranno il vostro palato.semplicemente perché è impossibile. Insomma.provare per credere!!! E buon appetito.

Autenticazione
Corsi sub a L'Aquila e Roma